Epigram 12.7

URN
Created on
By
Updated on

Descriptions

Codex Palatinus 23, p. 570

Texts

Σφιγκτὴρ οὐκ ἔστιν παρὰ παρθένῳ, οὐδὲ φίλημα
ἁπλοῦν, οὐ φυσικὴ χρωτὸς ἐυπνοΐη,
οὐ λόγος ἡδὺς ἐκεῖνος ὁ πορνικός, οὐδ᾽ ἀκέραιον
βλέμμα, διδασκομένη δ᾽ ἐστὶ κακιοτέρα.
ψυχροῦνται δ᾽ ὄπιθεν πᾶσαι: τὸ δὲ μεῖζον ἐκεῖνο,
οὐκ ἔστιν ποῦ θῇς τὴν χέρα πλαζομένην.

— Paton edition

Una vergine non ha sfintere, né un bacio
semplice, o una pelle naturalmente profumata,
o quella maniera dolce di dire cose sporche, né uno sguardo
puro, e se impara è ancora peggio.
I loro culi sono tra l'altro tutti senza interesse: e il peggio è che
non sai dove mettere la tua mano che vaga.

— Marcello Vitali-Rosati

Cities

Keywords

Comments

Alignments

External references