Epigram 7.472.a

URN
Created on
By
Updated on

Descriptions

Codex Palatinus 23 p. 281
Codex Palatinus 23 p. 282

Texts

μυρίος ἦν, ἄνθρωπε, χρόνος προτοῦ, ἄχρι πρὸς ἠῶ
ἦλθες, χὠ λοιπὸς μυρίος εἰς ἀίδην.
τίς μοῖρα ζωῆς ὑπολείπεται, ἢ ὅσον ὅσσον
στιγμὴ καὶ στιγμῆς εἴ τι χαμηλότερον;
μικρή σευ ζωὴ τεθλιμμένη: οὐδὲ γὰρ αὐτὴ
ἡδεῖ᾽, ἀλλ᾽ ἐχθροῦ στυγνοτέρη θανάτου.
ἐκ τοίης ὥνθρωποι ἀπηκριβωμένοι ὀστῶν
ἁρμονίης, †† ὕψιστ᾽ ἠέρα καὶ νεφέλας:
ὦνερ, ἴδ᾽ ὡς ἀχρεῖον, ἐπεὶ περὶ νήματος ἄκρον
εὐλὴ ἀκέρκιστον λῶπος ἐφεζομένη:
οἷον τὸ † † ψαλα, θρῖον ἀπεψιλωμένον οἷον,
πόλλον ἀραχναίου στυγνότερον σκελετοῦ.
ἠοῦν ἐξ ἠοῦς ὅσσον σθένος, ὦνερ, ἐρευνῶν
εἴης ἐν λιτῇ κεκλιμένος βιοτῇ:
αἰὲν τοῦτο νόῳ μεμνημένος ἄχρις ὁμιλῇς
ζωοῖς, ἐξ οἵης ἡρμόνισαι καλάμης.

— Paton edition

Infinito, prima di nascere, il tempo; infinito,
uomo, quello che resta, nell'Averno.
Quale porzione di vita rimane, se non come un punto
o meno, se possibile, d'un punto?
Corta la vita e oppressa; per sé non ha nulla di dolce,
ma odiosa è più della funesta morte.
Uomini, tale è la vostra compagine d'ossa, e nell'aria
voi vi librate, fra le nubi, in alto!
Che stupidaggine, uomo! C'è il verme all'estremo del filo,
su quel mantello non tòcco da spola.
Tale il nudo teschio spelato di chiome: un oggetto
odioso più che scheletrito ragno.
Uomo, giorno da giorno con tutte le forze scrutando,
d'una semplice vita resta pago!
Finché starai tra i viventi, ricordi sempre la mente
di che tenue compagine sei fatto.

— Pontani, Filippo Maria (1978-81) (ed.): Antologia Palatina, 4 vols., Torino.

Cities

Comments

Alignments

Internal reference

External references

Media

Last modifications

Epigram 7.472.a: Addition of [ita] Infinito, prima di nascere, il tempo; … by “gius.troisi

Epigram 7.472.a: First revision

See all modifications →