Epigram 9.34

URN
Created on
By
Updated on

Descriptions

Codex Palatinus 23, p. 363

Texts

μυρία με τρίψασαν ἀμετρήτοιο θαλάσσης
κύματα, καὶ χέρσῳ βαιὸν ἐρεισαμένην,
ὤλεσεν οὐχὶ θάλασσα, νεῶν φόβος, ἀλλ᾽ ἐπὶ γαίης
Ἥφαιστος. τίς ἐρεῖ πόντον ἀπιστότερον;

ἔνθεν ἔφυν ἀπόλωλα: παρ᾽ ἠιόνεσσι δὲ κεῖμαι,
χέρσῳ τὴν πελάγευς ἐλπίδα μεμφομένη.

— Paton edition

Attraversai onde innumerevoli di mari infiniti, rimasi un attimo sulla terra, ma non fu il mare a distruggermi, la paura delle navi, ma sulla terra da Efesto ( dio del fuoco). Chi dice che il mare è più infido? Da quando nacqui sono morto, giaccio vicino le rive, rimprovero alla terra ciò che aspettavo dal mare.

Cities

Keywords

Comments

Alignments

External references